Diciannove e quarantotto

Diciannove e quarantotto

Le rondini brulicano in cielo. Il sudore sulla fronte non scende più. Appoggio la bicicletta a terra. Mi siedo sul ciglio della strada, con la stessa disinvoltura con la quale un uomo si siede sul divano di casa.

P1100952_post_1900
missgrape_orme_03
P1100960_post_1000

Quando un viaggiatore in bicicletta può considerarsi tale?

Mi tolgo per un attimo le scarpe, e mi rinfresco i piedi tra l’erba.
Sicuro. Si è viaggiatori in bicicletta quando alle diciannove e quarantotto non si hanno programmi. E non c’è nessuna intenzione di fare programmi. Credo sia così.
Magari lo chiederò a qualcuno che davvero è un viaggiatore in bicicletta.
Sfilo dalla borsa a manubrio qualche nocciola.
Sono le diciannove e quarantotto. Ci rimettiamo in sella. Senza programmi ovvio. Lasciateci fantasticare.
Qua è là in Val d’Orcia e sulle pendici del Monte Amiata (Siena e Grosseto).

missgrape_orme_04
missgrape_orme_05
missgrape_orme_06

Share this story!